Il BIM Infrastrutturale

Riferimenti normativi

RIFERIMENTI NORMATIVI

A livello normativo il nuovo Codice degli appalti (DECRETO LEGISLATIVO 18 aprile 2016, n. 50) che recepisce la DIRETTIVA 2014/24/UE del parlamento europeo e del consiglio del 26 febbraio 2014 sugli appalti pubblici incentiva e premia l’utilizzo di metodi e strumenti elettronici per la progettazione e realizzazione delle opere.

In particolare all’Art. 23 comma 13 si prevede che le Stazioni Appaltanti potranno chiedere l’uso del “BIM” per le nuove opere e i servizi di progettazione di importo superiore alle soglie comunitarie (5.225.000 euro per i lavori, 135.000 euro per i servizi e i concorsi di progettazione aggiudicati dalle amministrazioni governative, 209.000 euro per i servizi e i concorsi di progettazione aggiudicati dalle altre amministrazioni).

Naturalmente nel nuovo Codice si definiscono, sempre all’art. 23 comma 13, le caratteristiche che devono avere gli strumenti elettronici specifici:

  • Si deve trattare di piattaforme interoperabili
  • Occorre utilizzare formati di file aperti e non proprietari

Lo scopo è ovviamente quello di non limitare la concorrenza tra i fornitori di tecnologie.

L’uso dei metodi e strumenti elettronici, inoltre, può essere richiesto soltanto dalle stazioni appaltanti dotate di personale adeguatamente formato.

Il nuovo Codice appalti non prevede ancora l’obbligatorietà dell’uso del BIM, ma spinge all’utilizzo progressivo del BIM e degli strumenti elettronici di modellazione per l’edilizia e le infrastrutture che diventeranno comunque obbligatori (si prevede che entro il 31 luglio 2016 sia adottato un decreto dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, con cui saranno definiti modalità e tempi di progressiva introduzione dell’obbligatorietà dei suddetti metodi).

L’utilizzo di tali metodologie costituirà, inoltre, parametro di valutazione dei requisiti premianti.


BEST PRACTICE INTERNAZIONALI

Nel mondo sono in forte aumento le nazioni che stanno interessandosi al BIM ma certamente gli USA, i paesi scandinavi, l’U.K., l’Australia, Singapore, prima di altri hanno deciso di intraprendere questo cammino e possono essere presi a riferimento.
In particolare un rilevante “effetto trascinamento” su molti Paesi europei è stato prodotto dalla determinazione con cui il Regno Unito nel 2011 ha deciso di adottare la metodologia BIM nel settore delle opere pubbliche (“Government Construction Strategy“), individuando in tale strumento una modalità utile ad ottenere un miglioramento generale di efficienza nei propri appalti pubblici e, in definitiva, un consistente risparmio per lo Stato Inglese.
Ma accanto ai documenti ufficiali del Governo inglese, atti ad indicare politiche e obiettivi, l’ente di normazione britannico BSI (British Standard Institution) ha prodotto una serie di standard, organicamente concepiti, di grande rilevanza.
Le norme della serie 1192 (BS 1192 – Pas 1192-2 // 3 // 5) e le altre ad esse collegate, costituiscono un importante riferimento all’applicazione della metodologia BIM, coprendo tutte le fasi di vita di un manufatto edilizio, dalla fase di progettazione, a quella di costruzione e di gestione.

PAS 1192-2:2013

In particolare la BS 1192:2007 è un codice professionale (Code of Practice) che norma, a livello generale, la produzione collaborativa di informazioni relative all'ambito dell'architettura, dell'ingegneria e delle costruzioni (Collaborative production of architectural, engineering and construction information.

Viceversa il relativo PAS 1192-2, muovendosi nel rispetto dei British Standard, è un documento pubblicato dal British Standard Industry ma sponsorizzato dal Construction Industry Council, il cui scopo è specificare i requisiti necessari al conseguimento del BIM livello 2.

In sostanza, il BS 1192:2007 è il cappello normativo sotto al quale i PAS 1192 espongono come raggiungere i propri obiettivi BIM rispettando le linee stabilite negli standard.

PAS al momento disponibili:

- PAS 1192-2:2013, Specification for information management for the capital/delivery phase of construction projects using building information modelling;

- PAS 1192-3:2014, Specification for information management for the operational phase of assets using building information modelling;

- PAS 1192-4, (non esiste): quello che si vede spesso indicato come PAS 1192-4 è in realtà un BS 1192-4:2014, Collaborative production of information Part 4: Fulfilling employer’s information exchange requirements using COBie;

- PAS 1192-5:2015, Specification for security-minded building information modelling, digital built environments and smart asset management.

Dal punto di vista della gestione e manutenzione dell’opera bisogna prendere a riferimento le “ISO 55000: Sistemi di gestione del patrimonio” che forniscono una panoramica generale sulla gestione patrimoniale e stabiliscono i principi e le terminologie corrette da adottare.

Per il regno unito il BSI British Standards ha pubblicato inoltre le “BSI PAS55: 2008 – Asset Management” in cui vengono definiti gli standards della buona gestione delle risorse. Esse trattano in modo integrato tutti gli aspetti del ciclo di vita: dal riconoscimento della necessità di avviare un progetto, all'acquisizione, costruzione, messa in servizio; l'utilizzo o il funzionamento dell’opera, la manutenzione, la ricostruzione, la modifica e/o dismissione finale.


UNI 11337 Edilizia e opere di ingegneria civile «Gestione digitale dei processi informativi delle costruzioni»


Arriva finalmente la norma Italiana sul BIM. La norma sarà così strutturata:

Parte 1 - Modelli, elaborati e oggetti informativi per prodotti e processi (sostituisce UNI 11337:2009) 

Parte 2 - Criteri di denominazione e classificazione di modelli, prodotti e processi

Parte 3 - Modelli di raccolta, organizzazione e archiviazione dell’informazione tecnica per i prodotti da costruzione (schede informative digitali per prodotti e processi)

Parte 4 - Evoluzione e sviluppo informativo di modelli, elaborati ed oggetti

Parte 5 - Flussi informativi nei processi digitalizzati

Parte 6 - Esemplificazione di capitolato informativo

Parte 7 - Requisiti di conoscenza, abilità e competenza per le figure coinvolte nella gestione digitale dei processi informativi

Parte 8 - Organizzazione delle figure coinvolte nella gestione digitale dei processi informativi

Approvata in via definitiva la Norma UNI 11337:2017  parti 1, 4, 5 e 6 la prima norma italiana sulla gestione digitale dei processi informativi delle costruzioni.
Il lavoro svolto da UNI/CT 033/GL 05 “Codificazione dei prodotti e processi in edilizia” costituisce una profonda revisione e ristrutturazione di una preesistente norma UNI (UNI 11337:2009 e UNI 11337-3:2015).

 

Chi siamo

InfraMOD è una società di ingegneria italiana con sede a Roma. Nasce dalla collaborazione di un team di tecnici specializzati nelle diverse discipline con comprovata esperienza nella progettazione e gestione di progetti complessi.

Lavora con noi

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito accetti che vengano utilizzati.